EDITORIALE Mr.Bond, Speciale Luca Ward- Aprile 2014

EDITORIALE

LUCA WARD, IL TALENTO CRISTALLINO DI UN GRANDE UOMO

Prima di raccontarvi brevemente l’incontro in quel di Roma con Luca Ward, un mito assoluto del doppiaggio italiano, vorrei ripercorrere a memoria cosa significa per me l’arte di Luca.
Il cinema innanzitutto, una passione che arriva da lontano, ero un ragazzino quando andavo al cinema a vedere “Guerre Stellari” c’erano code chilometriche, e poi il romantico ricordo di film come “Blade Runner” o “Star Trek”, visti e rivisti mille volte da solo o in compagnia di qualche buon amico; il cinema è l’unica arte che ti coinvolge e ti “proietta” con le immagini, i suoni, i BUM, e i BANG, nulla come un film ti lascia internamente quella speciale emozione, pronta a rivivere ogni volta che ci rimettiamo a riguardare quel film per noi indimenticabile.
Però senza le voci dei grandi attori, doppiate con abilità e bravura da quelli che io chiamo i “Maghi” della voce, moltissimi celebri blockbuster non sarebbero dei veri e propri miti collettivi dove dividere la gloria del successo di pubblico e di botteghino.
Luca Ward è uno straordinario “Mago” dal talento cristallino e riconoscibile a mille chilometri di distanza.
La sua magia è in tantissimi grandi film, da “Il Gladiatore” a “Pulp Fiction”, “Il Corvo”, “Master & Commander”, “James Bond/Pierce Brosnan”….
La voce, l’intonazione, quel modo tutto suo di recitare, il carisma, Luca è un insieme di grandi cose che ne fanno un gigante di bravura riconosciuto da tutti gli appassionati di cinema e dalla critica che lo continua a premiare ogni anno con ogni sorta di riconoscimenti.
La sua non è solo grande arte, la sua professionalità è stata costruita con attenzione e coerenza, seguendo sempre i propri principi di uomo, sempre attento e con la voglia di conoscere e farsi conoscere.
Questo traspare quando parli con Luca, l’umanità e la sua capacità di dialogare con chiunque, ti fanno comprendere cosa c’è dietro a questo immenso professionista del doppiaggio, ora anche acclamato attore teatrale.
Dopo l’intervista a Bondcast di un anno fa, lo contattai a fine 2013, per poi risentirci quest’anno. Un pomeriggio mi squillo’ l’iphone, credevo fosse Pierfrancesco Stenti, amico e Vice Presidente di Le Cercle, sul display leggo: Luca Ward!
Che emozione! Luca ha preso il telefono e mi ha richiamato. Si Presenta con un “…Sono Bond….James Bond”. Rimango di stucco. Ecco la magia che si ripresenta potente e coinvolgente. Rivedo Brosnan in “Goldeneye” e in “Tomorrow Never Dies”, in quei pochi secondi al telefono è come un flash dietro l’altro.
La sua disponibilità ad incontrarci a Roma è immediata, e appena conclusa la nostra breve chiacchierata, penso a tutti gli amici di Le Cercle che mi hanno appoggiato nel voler concretizzare questo nuovo sogno, incontrare Luca Ward.
Questo numero di Mr.Bond è il primo e unico speciale mai realizzato nella storia settennale del nostro magazine, lo voglio dedicare a te caro Luca, perchè tra noi è nata una bella amicizia, nella speranza che la tua magia continui a renderci felici ed entusiasti di incontrarti di nuovo e nell’ascoltarti al cinema o al teatro,

Un abbraccio forte,

Ilario Citton, Presidente di Le Cercle

20140422-124558.jpg

2 thoughts on “EDITORIALE Mr.Bond, Speciale Luca Ward- Aprile 2014

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s