Timothy Dalton parla della sua esperienza nei film di 007

AV Club ha realizzato una lunga intervista all’ex James Bond, Timothy Dalton, principalmente per parlare della sua nuova serie “Penny Dreadful”, e dei film di 007 da lui interpretati.

Cosa ti ricordi dell’offerta che ti fecero per essere il nuovo Bond dopo Sean Connery ?

TD. Oh..a me sembrava una cosa ridicola! Mi sono sentito molto lusingato che qualcuno aveva pensato a me, ma io ero nei miei 20 anni…ehi, cerchiamo di essere intelligenti…prendere il posto di Sean Connery? Non ero certo un bambino, ma un ragazzino, e non si puo’ prendere il posto di Connery ed essere a quell’eta’ all’altezza dopo Dr.No, Dalla Russia con amore, Goldfinger, i tre film di Bond piu’ grandi di sempre. Cosi’ declinai l’offerta.
A corollario di questa mia affermazione, ora mi chiederete: allora perche’ hai detto di si anni dopo? La mia risposta e’: c’era stato Connery, George Lazenby, Roger Moore, e tutti stavano pensando che il ciclo si sarebbe chiuso presto. Pero’ con Bond era diverso, i produttori cercavano di fare dei film sempre diversi e migliori, e il franchise essendo controllato dalla famiglia Broccoli dava delle garanzie in tal senso. Inoltre Mr.Broccoli voleva all’epoca prendere una direzione diversa, quindi questo era da considerarsi un valore aggiunto, ho pensato che essendo stato piu’ vecchio di 10,12,15 anni degli altri tre interpreti valeva la pena di tentare il colpo ( Ride).

20140512-094555.jpg

Quando hai iniziato ad interpretare James Bond, avevi il desiderio di farne una versione piu’ vicina possibile al personaggio creato da Ian Fleming?

TD. Beh, non fu subito cosi’. La serie era diventata molto divertente, spoof-like, troppo spensierata, e il produttore Mr.Broccoli, voleva tornare alle origini del personaggio come nei film di Sean Connery. Io quel Bond lo avevo amato, e ne amavo i libri. Ma credo che per avere successo devi avere una sorta di empatia con il pubblico, creando un effetto sorpresa rendendolo partecipe alla storia che stai raccontando.
Cosi’, una volta compreso cosa si voleva realizzare, si scopre che nessuno vuole fare cambiamenti (Ride). Gli studios non vogliono cambiare, le persone che lavorano per esso non vogliono cambiare….ognuno e’ soddisfatto di quello che sa fare. E tutti dicono: beh, si, dovremmo fare dei cambiamenti perche’ tutto sta diventando “stantio”, pero’ nessuno vuole che questo cambiamento accada veramente. Cosi’ non fu semplice neanche per il mio Bond, e penso che sia la stessa cosa oggi con Daniel Craig.

Quindi, detto questo, come si fa oggi a guardare ancora The Livings Daylights?

TD. Beh, e’ strano, e io dovrei stare attento a quello che dico, perche’ tutti sono ancora interessati a Bond. Per me e’ stata come una parentesi o una “bolla” della mia vita.
Ognuno considera l’idea di un film di James Bond diversa da qualsiasi altra cosa. Normalmente i giornalisti vengono a conoscenza un po’ alla volta della storia su cui devono scrivere. Ma in un film di James Bond le persone sanno gia’ quello che devono scrivere, hanno gia’ un parere ben preciso. Questo accade dai vertici degli studios giu’ fino al ragazzo di strada. Ma tu resti una sorta di ….estraneo.
La comunicazione per quanto precisa possa essere, non potra’ mai spiegare cosa si prova ad essere l’attore che interpreta James Bond. Gli unici che possono dirlo sono tutti gli altri attori che ne hanno interpretato la parte. E’ sorprendente, davvero. Sei ,come dicevo, in una sorta di “bolla”. Tutto cio’ e’ emozionante, prezioso, e puo’ dare un grande piacere. Eppure e’ tutto irreale, al di fuori del normale corso di quello che proviamo dentro di noi.

Ma fu un esperienza indimenticabile….

TD. Che esperienza! Fu una fantastica esperienza.

20140512-102059.jpg

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s