All’Eur sul set di Spectre, la nuova avventura di James Bond

Sono iniziate il 19 febbraio a Roma le riprese di Spectre, nuovo capitolo della serie di James Bond, l’agente segreto nato dalla penna di Ian Fleming. Il giorno prima si era saputo dove avrebbe luogo il primo ciak: all’Eur sotto l’imponente colonnato del Museo della Civiltà Italiana, trasformato per esigenze sceniche – con tanto di finta parete di loculi- nel cimitero del Verano, per il quale era stata negata l’autorizzazione dalla congregazione religiosa competente.

IMG_8159
Essendo la prima volta che una pellicola di 007 – personaggio dal seguito mondiale- viene ambientata nella Capitale sarebbe stato normale aspettarsi arrembaggi al set da parte di fan pronti a tutto per uno scatto ravvicinato al protagonista Daniel Craig o a Monica Bellucci, qui Bond girl ormai cinquantenne ma sempre icona di fascino ed eleganza. E invece niente di tutto ciò: arrivati davanti al Museo in piazzale Giovanni Agnelli, transennato e sorvegliato certo ma senza filo spinato o mute di cani lupo, l’unico gruppetto di una decina di persone era quello dei fotografi professionisti muniti di teleobiettivi di quelli che riprendono anche un brufolo a cento metri. Più o meno era quella infatti la distanza dal punto in cui si muoveva la troupe, con le attrezzature e i macchinari per la finta nebbia, le comparse in abito da corteo funebre (parecchio anni Cinquanta, a dire il vero) e naturalmente il divo Craig, riconoscibile anche da lontano per l’acconciatura tagliata con l’accetta al pari degli zigomi e l’inconfondibile camminata alla James Bond, schiena dritta e ampie falcate.
Di curiosi ce n’erano proprio pochi, un paio di adolescenti che avevano saltato la scuola apposta, tre o quattro impiegate dei numerosi uffici presenti in zona venute a trascorrere una pausa pranzo all’insegna della mondanità e alcuni fan di quelli veramente ferrati in materia, quelli che di 007 sanno davvero vita morte e miracoli: addirittura uno di loro, Ilario Citton, presidente del “Le Cercle James Bond Club Italia” – associazione che conta circa duecento cultori del personaggio – per qualche minuto ruba letteralmente la scena all’agente con licenza di uccidere, conquistando l’attenzione degli inviati dei telegiornali nazionali. Cinque ore di appostamento diventano troppe anche per un giornalista che si vanta di aver stretto la mano a Sean Connery, per cui si va via dando un ultimo sguardo alla sagoma dell’immancabile Aston Martin coperta da un telo. Le riprese di Spectre però proseguono e sembra che avranno luogo anche su via Nomentana in zona Porta Pia e nei pressi di piazza Barberini. Nel caso James Bond decidesse di scendere nell’omonima stazione della metropolitana, sarebbe meglio che lasciasse il celebre orologio Omega in albergo: farselo sottrarre da una delle famigerate borseggiatrici non sarebbe onorevole…

IMG_8160

IMG_8161
Un articolo a cura di Alessandro Pino per d-roma.com
Immagini by Luca Schirano

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s