007 all’Aurelio, il poster-cimelio«La locandina resiste da 48 anni»

 Per gli abitanti dell’Aurelio è più di una reliquia. Un motivo d’orgoglio, anche per chi non è proprio un appassionato di 007. Vicino via Anastasio II resiste da ben 48 anni uno spezzone di un’enorme locandina di «Si vive solo due volte», film del 1967 diretto da Lewis Gilbert, il quinto della serie dove James Bond viene interpretato da Sean Connery. «Niente a che vedere con gli altri – racconta un abitante -, e tantomeno con quello che stanno girando ora per Roma: ma le pare che 007 sbatte la testa sul tettuccio dell’Aston Martin e scappa via?. Comunque ormai è un pezzo di storia tutto nostro, guai a chi ce lo tocca». Il riferimento critico e spietato è all’infortunio capitato nei giorni scorsi a Daniel Craig durante le riprese dell’ultima avventura dell’agente segreto britannico.



Il pezzo di locandina campeggia sotto un cartellone pubblicitario molto più moderno. La cornice, un po’ sporgente, ha protetto la stampa dalle intemperie, trasformando un muro di cemento armato sotto a un palazzo in una testimonianza vintage. «Abbiamo controllato, gli sceneggiatori – sulla locandina sono rimasti solo i loro nomi – sono tutti morti», racconta una signora mentre riprende lo scooter parcheggiato sul marciapiede. Ma ciò non toglie nulla al fascino del reperto, proprio nel momento in cui la Capitale è al centro delle riprese di «Spectre», dove oltre a Craig nel cast spicca anche Monica Bellucci. Dal lungotevere a ponte Sisto, da San Pietro alla zona del Flaminio dove proprio lunedì scorso è stata montata una gru alta più di 30 metri.

corriere.it

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s