SPECTRE, Christoph Waltz smentisce i rumor sul suo personaggio

In un’intervista a British GQ, Christoph Waltz ha voluto mettere fine una volta per tutte alle speculazioni in merito alla vera identità del suo personaggio in “SPECTRE“.

Infatti, si vocifera da tempo che l’attore austriaco, accreditato come Franz Oberhauser, interpreti in realtà Ernst Blofeld, iconico capo della potente organizzazione criminale che dà il titolo a questo nuovo capitolo della saga e principale antagonista di Bond.

Waltz ha definito il rumor «assolutamente falso», aggiungendo: «Quella voce è partita da Internet, e Internet è una piaga. Il nome del mio personaggio è Franz Oberhauser».

Ma nonostante le smentite, risulta davvero difficile crede che l’attore non sia in qualche modo legato al personaggio di Blofeld. Staremo a vedere se questa si rivelerà solo una strategia per mantenere più a lungo il riserbo e non rovinare la sorpresa ai fan.

Nell’intervista, Waltz ammette di aver esitato nell’accettare la parte nel film, ma di essere stato convinto dalle qualità delle persone che avrebbero lavorato a SPECTRE, affermando che «un film di James Bond può essere artisticamente appagante, complesso e interessante. Ritengo che un film di Bond possa essere un’estensione del teatro popolare, una sorta di mitologia moderna».

  

9 thoughts on “SPECTRE, Christoph Waltz smentisce i rumor sul suo personaggio

  1. meglio non parlarne più delle’ventualità ‘blofeld’ in spectre, altrimenti si corre il rischio che la eon si impunti e vada a cambiare il finale del film.

  2. Secondo me Waltz interpreta davvero Oberhauser. E forse Oberhauser non è davvero Blofeld, forse è il numero 2 della Spectre, così come in Thunderball il numero 2 era Emilio Largo e Blofeld non lo si vedeva mai in faccia. Forse anche in Spectre non vedremo in faccia Blofeld perchè ci sarà svelato nei prossimi film. Mi sembra molto piu plausibile e logico.

    • Questo però è un grave errore di valutazione: pensare che il numero dei premi vinti in passato, possa dare a un attore il podio per il piu alto in grado all’interno di una saga. Non sempre succede così, nel cinema. Anche se Zorin era unno Walken e Jinx era una Berry, entrambi con Oscar alle spalle, non vuol dire che, siccome Waltz ha due Oscar, allra, per questo motivo, DEVE essere Blofeld. Non sarebbe onesto. In Iron-Man 3, secondo i rumors, i trailers e le conferenze stampa, sembrava che il grande villain del film sarebbe dovuto essere il Mandarino, interpretato dal premio Oscar Ben Kingsley (uno vinto e altre tre candidature). E invece, gran colpo di scena, il villain non era lui, tutto il castello era una macchinazione per sviare protagonista ma anche pubblico (e pure ben riuscita, secondo me). Quindo ovvio pensare che Waltz=Blofeld è troppo “telefonato”, troppo scontato, troppo ovvio perchè sia vero.
      Anzi, visto che hanno ringiovanito un po tutti i comprimari (M ha pochi anni piu di Bond, Q non è piu un arzillo vecchietto ma uno scaltro e sveglio ragazzino, Moneypeny non è piu un’attempata signora ma una sinuosa ragazza) non mi stupirei se Blofeld fosse interpretato da Andrew Scott, che per ora viene accreditato come Danbeigh, un uomo dell’MI-6, proprio come Mitchell, la guardia del corpo personale di M (Barbara Maudsley non Gareth Mallory) per 4 anni, anch’esso dell’MI-6 ma poi rivelatosi un uomo della Quantum, organizzazione che, dopo l’imbarazzante smascheramento nel film “Quantum Of Solace” si è riorganizzata, forse, proprio nella Spectre. Secondo me fila eccome. Sarebbe troppo prevedibile e deludente vedere Waltz nel ruolo di Blofeld; sarebbe come voler fare un film su un anziano ex-agente segreto inglese e chiamare di nuovo Sean Connery (invece magari di buttarsi su un Micheal Gambon o uno Ian McKellen, per far degli esempi).

  3. sai themib1, non ne voglio fare una questione di referenze. se vogliamo essere davvero schietti potremmo anche dirci che l’oscar non garantisce affatto l’effettiva qualità dell’attore o del regista (e qui ci starebbe bene una lista coi nomi+altisonanti di autori o interpreti che hanno clamorosamente mancato tale riconoscimento) ma converrai anche tu sul fatto che waltz nel panorama attoriale attuale sia praticamente la scelta+intelligente, la+logica. per stile, per tratto, per eleganza e affinità fleminghiane, waltz sarebbe praticamente perfetto per fare blofeld: personaggio che, fra l’altro, negli anni è assurto a mito, leggenda. e si sa, con le leggende non è semplice misurarsi. ecco, quindi, che le referenze possono aiutare, dare un supporto, avere un loro senso specifico o anche solo una loro funzionalissima ragion d’essere.

  4. Quindi, in soldoni, il personaggio di Blofeld, e quindi Waltz, tornerà anche nei prossimi film? Oppure lo vedremo solo in questo film? Io, fossi nella EON, centellinerei l’uso di Blofeld e della Spectre, non facendola nascere e morire in un solo film ma dando tanti piccoli elementi, di film in film, affinchè si arrivi al climax finale dove il vero Blofeld si palesa davvero in volto, insospettabile, sorprendente, e magari sparisce di scena con una morte non accertata. Ecco perchè trovo una mossa azzardata mostrare subito Blofeld. Peggio ancora sarebbe farlo anche morire alla fine di Spectre, a meno che……il suo posto non venga preso dal colonnello Tamil Rahani, come nei romanzi di Gardner (magari!!!).
    Questo è quello che vorrei vedere.
    Rimarrei leggermente deluso (forse) se Waltz fosse davvero Blofeld, ma rimarrei ancor piu deluso se la Spectre e il personaggio di Blofeld non apparissero piu in nessun prossimo film. Quindi, se davvero Waltz sarà Blofeld, spero almeno lo rivedremo nei prossimi film bondiani…o magari si farà una plastica facciale (come in Una Cascata Di Diamanti) e comparirà di film in film sempre con una nuova faccia, interpretato ogni volta da un attore diverso (naturalmente Oscar-dotato, per non far torto a nessuno). Per me sarebbe ugualmente accettabile. Tre zero zero sette mesi sapremo tutto😉

  5. se la eon si gioca la carte della spectre è verosimile pensare che nn la sprechi per una sola missione. la spectre non può che tornare per restare e sarebbe una mossa intelligente che facesse da filo conduttore tra l’era craig e quella la da venire dell’eventuale suo successore.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s